La Libreria Ribelle, una nuova libreria dedicata agli autori emergenti

Oggi segnalo una nuova iniziativa legata al mondo dell’editoria indipendente. Per quanto ne so, si tratta di qualcosa di unico nel panorama italiano. Sto parlando di una nuova libreria, la Libreria Ribelle.

La Libreria Ribelle non è una libreria come un’altra. Ha una caratteristica specifica: vende soltanto libri pubblicati da autori che lavorano con editori indipendenti (o, nel caso di alcuni, che hanno scelto l’autopubblicazione). È, in poche parole, una libreria dedicata espressamente agli autori emergenti, cioè a quanti, non potendo contare sul solito grande marchio con fondi e disponibilità per reclamizzare i propri autori, si ritrovano in quella sorta di limbo che contraddistingue la piccola editoria indipendente. Chi pubblica con questo tipo di case editrici, infatti, spesso e volentieri si scontra con un mondo editoriale nel quale non esiste alcuno spazio per chi sta al di fuori dei soliti noti e arcinoti autori ed editori che si trovano abitualmente sugli scaffali delle librerie tradizionali. Molti lettori sono convinti di essere liberi nella loro scelta, quando acquistano un libro, ma sovente non si accorgono che sono sempre gli stessi marchi e autori a spartirsi gli scaffali, siano essi fisici o di una libreria virtuale come può essere ibs, ad esempio. La realtà è che esistono numerosi autori (con i loro editori), i quali lavorano in una zona grigia priva di visibilità, scontrandosi assai frequentemente con la diffidenza dei lettori. Sì, perché sono pochissimi i lettori disposti a fidarsi e ad acquistare un titolo pubblicato da un piccolo editore indipendente. Il risultato finale è che un autore, in queste circostanze, si ritrova quasi da solo ad affrontare una battaglia ben più grande di lui. Qualcuno, nonostante tutto, persiste; qualcun altro smette dopo aver constatato il generale disinteresse verso le opere di autori posti al di fuori del grande circuito editoriale.

La Libreria Ribelle, invece, punta proprio su questi autori posizionati ai margini, che spesso sono costretti, letteralmente, a cercarsi da soli i lettori e a dedicarsi a un mondo dove il fai da te e la solitudine sono gli unici compagni di strada. Dimenticatevi le recensioni; dimenticatevi i lettori entusiasti che si complimentano per un buon romanzo; dimenticatevi le interviste. Chi pubblica con piccoli editori indipendenti non sperimenta nulla di tutto ciò, il più delle volte. Nella maggior parte dei casi, dopo la pubblicazione di un libro, sopravviene l’oblio generale, vuoi perché si pubblicano troppi libri (tralascio qui, per carità di patria, la questione dell’autopubblicazione, che meriterebbe una trattazione a parte), vuoi perché la sfiducia verso autori ed editori poco noti vince su tutto, anche sulla qualità di tanti scrittori.

Ecco, dunque, che compare all’orizzonte una nuova realtà come la Libreria Ribelle che decide, contro tutti i pronostici e le abitudini, di puntare sugli scrittori abituati a vivere nel buio della marginalità del mercato editoriale. La Libreria Ribelle avrebbe dovuto consistere di un negozio fisico, nella cittadina veneta di Noale, e di uno store online. Al momento la libreria fisica è stata congelata, per così dire, in attesa che in futuro la situazione relativa alla pandemia di coronavirus si stabilizzi. Avrebbe avuto poco senso, ora come ora, aprire un negozio fisico in queste condizioni e con le presentazioni praticamente impossibili da realizzare. È stato, invece, appena lanciato il sito web della Libreria Ribelle, dove chiunque può già trovare ed acquistare i libri degli autori che hanno aderito all’iniziativa.

L’invito che faccio, essendo anche uno degli autori presenti, è quello di visitare il sito, innanzitutto, e farsi un giro tra gli scaffali virtuali. In secondo luogo, qualora voleste acquistare qualche titolo, vi invito a farlo direttamente tramite la Libreria Ribelle e non attraverso i link (pur presenti) ad altre piattaforme come ibs o Feltrinelli. Perché questo? Perché in questo modo sostenete in modo diretto la libreria e i suoi autori attraverso un’iniziativa che non ha, al momento, paragoni in Italia. In questo progetto sono state investite molte energie e soldi, innanzitutto da parte dello staff della libreria, ma anche da parte degli autori che vi partecipano, credendo in un progetto complesso e difficile, specie tenendo conto del disinteresse crescente col quale, in Italia, sono considerati i libri. Ecco perché, in caso qualcuno desiderasse fare un acquisto, l’invito è ad acquistare direttamente tramite la Libreria Ribelle, se possibile. Ricordo che la libreria spedisce i libri acquistati in tutta Italia.

A questo punto, non mi resta altro da fare, se non indirizzare ancora una volta chi lo desidera a dare un’occhiata al nuovo sito web della Libreria Ribelle dove, tra gli altri, sono presenti anche i miei libri (l’ultimo arriverà tra qualche giorno). Ecco, quindi, il link dal quale accedere al sito della libreria e la pagina relativa ai miei libri:

Sito web della Libreria Ribelle

Gabriele Chiarolanza sulla Libreria Ribelle

Pubblicato da gchiarol

Autore di romanzi e racconti con Meligrana Editore

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: